sponsor

7 novembre 2008

Brevetto Microsoft Censura audio

Nel 2004, Microsoft ha depositato un brevetto di un software che è in gradi di analizzare e filtrare in tempo reale, parole o fonemi, censurando le parole ritenute inappropriate.

I classici bip di censura della RAI di tanto tempo fa.

L'Ufficio brevetti statunitense, ha approvato riconoscendo a Microsoft i diritti dell’invenzione denominata sistema di “censura automatica dei dati audio”.

In pratica il sistema interviene al momento della compressione dell'audio: quando i singoli pacchetti devono essere trasferiti, un algoritmo compie il confronto tra i singoli fonemi che è stato in grado di isolare e il database delle parole (cioè aggregati di fonemi) proibite.

Nonostante Microsoft non abbia rivelato che uso intenda fare di questa tecnologia, che dovrebbe sostituire l'intervento umano nel caso di parole non troppo consone, ha comunque affermato che vi sarà una certa elasticità nei contenuti e negli orari di messa in onda delle trasmissioni, da parte di questo filtro, che comunque escluderà per esempio un certo tipo di censura in un programma dedicato alla medicina, dove alcune parole potrebbero risultare offensive in altri programmi.

Molto probabilmente l’impiego potrebbe essere implementato su XBox Live, nelle chat vocali delle sessioni multiplayer, e magari sulle trasmissioni radiofoniche che si possono ricevere tramite Internet.

Io ribadisco la mia convinzione che per quanto possa tornare utile in alcuni casi, come per esempio la possibilità di controllare i contenuti, sia visivi che audio, sottoposti ai bambini, preferisco la LIBERTA' di scegliere di vedere e sentire quello che preferisco e decido.

Nel caso di controllo sui bambini, lascerei l'obbligo di controllo ai genitori, che debbono sempre prendersi la loro responsabilità nel momento in cui lasciano i mano ai loro pargoli mezzi importanti come Internet o la televisione.

Voi siete d'accordo con la censura audio?
 
Se volete restare aggiornati al mio blog, abbonatevi a questo feed o a questo.

2 commenti:

roch ha detto...

09/11/2008 17:20è una tecnologia che microsoft ha brevettato. punto. sono convinto che con una televisione migliore non ci sarebbe bisogno di questi programmi. ma la televisione è una m***a. pure i cartoni per i bambini, violenti e sadici. non mi preoccuperei di questa tecnologia microsoft ma piuttosto della gente che c’è dietro i palinsesti

dany ha detto...

09/11/2008 18:27
Effettivamente oggi, come oggi i programmi televisivi sono veramente scadenti, non solo per i bambini; ho l’impressione che ci vogliano ricintrullire. Ecco perchè forse Internet riuscirà, spero, a dare un smossa a chi scegli l’acquisto dei programmi a chi li idea e a chi li manda in onda. Togliendo programmi appena iniziati o facendo rivedere per mille volte la stessa cosa. Ci vorrebbe un po’ di rispetto.
Per la tecnologia ideata da Microsoft non l’ha solo brevettata, ma è stata accettata. Ora non credo verrà usata alla televisione, ma principalemente su Internet. Ed io vorrei che non accaddesse. ;.)

sponsor

Hai P IVA? Chiamate e internet illimitati con wi-fi gratuito. Clicca qui