sponsor

3 dicembre 2008

Berlusconi vorrà imbavagliare anche la rete???

Leggo che Berlusconi, dopo la visita al Polo tecnologico di Poste italiane all'Eur di Roma, ha dichiarato di voler sottoporre al prossimo G8, una proposta di regolamentazione di internet in tutto il mondo.

Non ha anticipato quale sarebbe la proposta, ma che la stessa sarà fatta con una "prospettiva internazionale, in cui l'Italia possa essere avanguardia".

Panico, terrore, raccapriccio! L'ennesima figura di M... davanti al mondo?

E se non viene accettata, cosa succederà in Italia, vuole monopolizzare anche Internet, non gli basta aver bendato e manipolato, l'informazione scritta e televisiva.

Basta, non ne posso più di questo individuo, che ogni giorno di più si sente un dio ed è a parer mio, con la mente totalmente fuori controllo.

E le cose che mi fanno più imbestialire sono: primo che non vi è la speranza di un'alternativa, non essendoci all'orizzonte nessuno di veramente serio e responsabile; in secondo luogo come possono delle persone aver votato qualcuno che oltre ad offenderli e a prenderli per i fondelli, e ... si permette anche di dire che devo spendere e devo essere ottimista, che è tutta una catena; se io non compro, qualcuno resta disoccupato, ma mi prendi per deficiente.

Io che sono proprio una disoccupata, mi spieghi cosa cazzarola pretendi che compro se non lo stretto necessario per sopravvivere.

Ma come ti permetti di venire a spiegarmi come devo vivere!!! Caspita!!!!

Scusate lo sfogo, ma con tanta gente intelligente per tutta l'Italia proprio Berlusconi doveva rappresentarci??????

Esprime un pensiero anche il sito Visionpost.

Se volete restare aggiornati al mio blog, abbonatevi a questo feed o a questo.

10 commenti:

vale ha detto...

>ha dichiarato di voler sottoporre al prossimo G8, una proposta di >regolamentazione di internet Sa che cosa è Internet perlomeno? Qualcuno glielo spiegherà? BAH

>in tutto il mondo
E da quando è diventato Imperatore del mondo?

>Io che sono proprio una disoccupata, mi spieghi cosa cazzarola pretendi che >compro se non lo stretto necessario per sopravvivere
Parole sante!!!

> la stessa sarà fatta con una “prospettiva internazionale, in cui l’Italia possa >essere avanguardia”.
Se è quella delle battute-figurelle mi pare siamo già messi molto bene, potrebbe prendere una pausa, farsi un caffé, una vacanza alla Maddalena e restarci
Ohibò! Dobbiamo aspettarci un testo comico?

Andbeat ha detto...

Se ha detto che vuole proporre qualcosa del genere al G8 sarà perché è a corto di barzellette…

Tooby ha detto...

Primo: Berlusconi ha una credibilità internazionale pari a zero: Obama dall’alto del suo metro e novanta non lo vedrà manco di striscio; la Merkel, dopo la figura del cucù, si è convinta che è un coglione, Sarkozy lo usa perché è l’unico alla sua altezza; rimane solo il caro vecchio Medvedev, con Putin che ormai in Sardegna è di casa.

Secondo: internet è già imbavagliata dal 2001, legge n. 62. La legge viene disapplicata perché impossibile da applicare a tutti coloro che scrivono in rete, ma non appena qualcuno comincia a dare fastidio, arriva la condanna per stampa clandestina (vedasi il caso Carlo Ruta).

Terzo: Berlusconi ha detto (c’è anche il video) di non capirci un bel niente di informatica.

dany ha detto...

Per quanto riguarda il tuo secondo punto, avevo effettivamente accennato, in un’altro post sul mio blog, che anche in Italia vi è già una certa censura. E il caso Ruta non credo sia l’unico.
Se però loro decidono che scrivendo su un blog, anche senza relativi studi e tutto quanto mi possa necessitare per definirmi una giornalista, chiedo i soldini che vengono erogati ai giornali e alle case editrici; … e se lo facciamo tutti noi blogger?

Oppure, facciamo come Grillo e Attivissimo che hanno spostato i loro blog in svizzera. (alquanto complicato ma magari qualcuno se lo può permettere).

Per il primo punto invece : un Obama, che non solo dalla sua altezza fisica, ma anche dalla sua superiorità, nell’aver capito la potenza di Internet, non solo non lo vede di striscio, ma lo schiaccia mostruosamente.

La cosa che mi irrita e che ci rappresenti con le sue buffonate e battute fuori luogo, tempo fa, aveva offeso un altro membro europeo, … se non ricordo male … ed infine mi chiedo cosa diavolo vuole regolamentare, cosa c’è da regolamentare.

I malfattori, criminali o come li vogliamo chiamare, ci sono a livello fisico e non virtuale, se si sono informatizzati, non vuol dire che non avrebbero comunque perpetrato altri crimini; come scippi, rapine, truffe ecc…

I pedofili, non è che sono aumentati perchè c’è Internet, la tara mentale è nel cervello e non in uno schermo, forse con Internet si è venuti a conoscenza di una vastissima malattia mentale, perchè non passare del tempo a capire il perchè di questa cosa invece che perdere tempo a pensare di regolamentare la rete.

Ed infine il p2p (illegale), non penso che al momento sia la cosa più importante da risolvere, anzi vista la carenza di denari potrebbe solo aumentare. E qui c’è già la risposta del perchè esiste il p2p(illegale).

Il terzo punto … è vero che lui ha detto che non ci capisce nulla di Internet, ma se qualcuno gli avesse fatto notare che con questo mezzo potrebbe, non solo lavare il cervello ai suoi …., ma a tutti??? Ma ci avete fatto caso che la combriccola di Berlusconi, quando parlano, sono la copia uno/a dell’altro/a? Stessi concetti stessi parole, stessi eufemismi, stesse battute? Che non permettono mai all’interlocutore di finire un concetto se sono in difficoltà e non sanno controbattere?

Ed infine anche se non c’era alternativa come diavolo ha fatto Berlusconi a finire al governo? Me lo domando perchè sento e soprattutto leggo tantissime critiche a Berlusconi, ma raramente vedo qualcuno che scrive a pro?

vale ha detto...

Purtroppo Berlusconi ha detto che siccome lui non capisce un’acca di Internet ascolta chi ne capirebbe di più. Mumble Mumble.
Io come alternativa a Berlusconi propongo Topolino, si porta meglio gli anni e senza lifting

flashmotus ha detto...

se voi ragazzi, come si deduce dai vostri argomenti, siete il futuro della sinistra, povera italia…

dany ha detto...

Mi spiace per te, ma io non ho scritto di essere di sinistra. È come dire che Travaglio è di sinistra (ribadito più volte da Berlusconi) che invece non lo è.
Non essere in accordo con Berlusconi non vuol dire essere di sinistra. Cosa che lui sostiene tutte le volte che qualcuno non è d’accordo con le sue idee. Lui non mi rappresenta, ma non mi rappresentava neppure Prodi.

ti ringrazio per la precisazione, ora comprendo meglio il tuo pensiero e tolgo il distrurbo ha detto...

ti ringrazio per la precisazione, ora comprendo meglio il tuo pensiero e tolgo il distrurbo

mi piacerebbe che almeno una volta nella vita la si smettesse di colorare di politica e immaginare improbabili adesioni patritiche su qualsiasi normale commento su Berlusconi Prodi Vetrloni o chicchessia. ha detto...

mi piacerebbe che almeno una volta nella vita la si smettesse di colorare di politica e immaginare improbabili adesioni patritiche su qualsiasi normale commento su Berlusconi Prodi Vetrloni o chicchessia.

dany ha detto...

@ flashmotus, scusa il ritardo per la risposta, ma i malanni di stagione e qualche acciacco in più mi hanno debilitato per un po’.

Non è necessario togliere il disturbo, perchè non è un disturbo, ognuno ha le proprie idee, ci mancherebbe. Ma voglio solo precisare che non vorrei essere fraintesa. Attualmente e purtroppo ormai da qualche anno, non c’è nessuno che mi rappresenti politicamente parlando, e non vedo nessuno degno di nota che possa aiutare questo benedetto paese, fatto da te, da me e molti altri, che si aspettano dei miglioramenti e delle strategie positive per risollevarci.

Per quanto riguarda invece l’articolo iniziale, ribadisco la mia preoccupazione per eventuali peggioramenti legati alla censura. Il bello di internet (sempre a parer mio) è il poter parlare (civilmente) di tutto e con tutti dai punti più lontani ai più vicini, dove tutti possano dire la loro, perchè lo ritengo un diritto.

sponsor

Hai P IVA? Chiamate e internet illimitati con wi-fi gratuito. Clicca qui